❓LO SAPEVI? 👩

Quale acqua usare per il laser a diodo?

La manutenzione di un macchinario è fondamentale affinché la sua affidabilità, efficacia ed efficienza siano sempre garantiti.
Quando il sistema di raffreddamento avviene anche tramite acqua, devi occupartene con frequenza e modalità corrette.
 
Innanzitutto chiariamo che acqua  demineralizzata non significa distillata.
 
L’acqua demineralizzata (quella che si usa per il ferro da stiro, per capirci) è sì priva di calcare e gas come quella distillata, ma può contenere microrganismi di varia natura e non si può per questo considerare veramente pura.
Sul mercato esistono veri tipi di acqua demineralizzata, ma spesso di qualità non ottimale. Questo, nel tempo, potrebbe causare la formazione di depositi di sedimenti sui diodi, che a occhio nudo sembrano depositi di calcare, che ovviamente non sono, ma gli somigliano molto.

I laser di ultima generazione, con diodi a macrochannel (o macrocanali) possono lavorare anche con questa acqua, a differenza di quelli a microchannel (microcanali). Noi preferiamo comunque utilizzare acqua purissima per garantire la migliore efficienza del macchinario laser.
 
Appurato che per il laser è preferibile utilizzare l’acqua distillata, hai la certezza che quella che stai utilizzando vada bene per il tuo macchinario?

Le acque distillate non sono tutte uguali

Ti mostriamo l’etichetta inerente un’acqua bidistillata

Etichetta acqua bidistillata

Come puoi vedere sono indicati tutti i componenti ma, soprattutto, il livello di conducibilità, che nel laser è importantissimo.

Così come è importante saper e anche che tipologia di diodi ha (se micro o macro canali), come spiegato sopra.

L’acqua che va bene per altri scopi, che trovi agevolmente al discount o al supermercato, non è detto che sia indicata per il tuo laser.

COME POSSO SCEGLIERLA?

E’ fondamentale che tu segua sempre le indicazioni del costruttore, dovrebbe fornirti i parametri idonei per l’acqua adatta al laser che stai utilizzando.

Ricorda anche che è sempre meglio non rabboccare l’acqua quando ti accorgi che il livello è sceso e la macchina te lo segnala, ma svuotare il serbatoio completamente e poi riempirlo con l’acqua pulita.

COSA SUCCEDE SE SBAGLIO ACQUA?

Le sedimentazioni di cui abbiamo parlato sopra, depositandosi sui diodi, in breve tempo possono metterli sotto sforzo causandone la bruciatura. Qualcuno suggerisce di pulirli e rigenerarli, ma, per esperienza, il costo leggermente più basso non è giustificato, poiché la vita dei diodi riparati non è lunga quanto quella di diodi nuovi. Capita frequentemente che si brucino nuovamente anche dopo solo qualche mese.

Questi problemi sono risolvibili effettuando una corretta manutenzione del laser, forse vale la pena dedicarle il tempo necessario.

Vedi anche come e quando cambiare il filtro dell’acqua