❓LO SAPEVI? 👩

Il trattamento di epilazione laser è doloroso?

Cosa si deve sentire

Il laser per epilazione funziona attraverso il meccanismo della fototermolisi selettiva, ovverosia attraverso un calore generato dal raggio laser che, scaldando il tessuto, arriva ad inattivare le cellule germinative del pelo (vedi > fototermolisi).

Per questo motivo quando lavoriamo in modalità multispot (frequenza da 5 Hz a salire) si sente una sensazione di calore intenso, mitigata dal raffreddamento della punta del manipolo che è a contatto con la pelle. Arriviamo a circa 60° sottocute, se ne percepiranno così meno della metà.

Se si lavora con una frequenza bassa (spot singolo, 1 Hz) si può sentire un leggero pizzicore in alcuni punti.

 

Posso anestetizzare la parte?

Utilizzare creme anestetiche locali è vietato per l’estetista, che non può assolutamente far uso di farmaci all’interno del centro estetico.

Ma soprattutto è sconsigliabile, in quanto il feedback del cliente è fondamentale per settare correttamente i parametri del laser. Una sensazione attenuata darebbe un riscontro sfalsato e non attendibile, con un elevato rischio di provocare ustioni.

Se non lo sopporto?

La soglia del dolore è molto soggettiva. Bisogna sempre distinguere tra dolore e sensazione intensa.

Nei nostri corsi diciamo sempre che, quantificando da 1 a 10 la percezione ricevuta, se con valore 1 non si avverte nulla e con valore 10 non si sopporta, la misura giusta è 8, forte ma assolutamente tollerabile.

Parametri troppo bassi, che ovviamente non generano sensazioni di alcun tipo, generalmente non ottengono risultati efficaci.

Il nostro laser ha un ottimo sistema di raffreddamento proprio per attenuare il più possibile ogni fastidio.

Se hai dubbi di qualsiasi genere contattaci